López fa esplodere Mas per l’uscita controversa dalla Movistar

Il colombiano Miguel Angel López è rientrato nella controversia che lo ha visto abbandonare sia la Vuelta a España 2021 che il Team Movistar, criticando apertamente il suo ex compagno di squadra, Enric Mas.

Mas e López erano co-leader per Movistar alla Vuelta a España. E con López che ha vinto la tappa di montagna più dura della corsa nelle Asturie e Mas chiaramente stabilito come il rivale più persistente del vincitore assoluto Primož Roglič (Abbigliamento Ciclismo Jumbo-Visma), i due sembravano destinati a finire secondo e terzo assoluto.

Tuttavia, l’ultimo sabato della gara, López ha bruscamente abbandonato dopo essere rimasto indietro a metà della tappa. Non ha riguadagnato il contatto con un gruppo di favoriti in testa che conteneva anche Mas.

Dopo la sua uscita estremamente controversa, López si è prima scusato per le sue azioni con i suoi fan e la sua squadra, e poi lui e Movistar hanno deciso di rescindere il suo contratto recentemente esteso in modo da poter lasciare la squadra il 1 ottobre.

Tuttavia, due mesi dopo, l’ex podio della Vuelta e del Giro d’Italia ha mosso alcune forti critiche al suo ex compagno di squadra Enric Mas per quanto riguarda la leadership nella squadra.

«L’atmosfera in Movistar era sempre molto tesa», ha detto López alla stazione televisiva colombiana RCN nel loro programma «Chupando Rueda». «Ogni volta che ero in vantaggio, Enric cercava sempre un modo per muoversi davanti a me, [quindi] i nostri ruoli non erano chiari.

«Ho lavorato nel Delfinato per [il co-leader Movistar Alejandro] Valverde, ma poi nei Grandi Giri i nostri ruoli non erano chiari».

López ha detto che quando è rimasto indietro a metà della tappa 20 in seguito agli attacchi di Adam Yates ed Egan Bernal (Abbigliamento Ciclismo Ineos Grenadiers), con Mas e Roglič al seguito, piuttosto che essere caduto ha rinunciato alla sua ricerca dei corridori davanti.

“Ho smesso di lavorare perché Mas me l’ha chiesto. Quando stavo perdendo circa 40-50 secondi, [il team manager] Eusebio Unzué” – che quel giorno era nell’auto della squadra subito dopo Lopez – “mi ha detto che era una situazione davvero dura, ma di smettere di lavorare perché non avrei raggiunto i ragazzi avanti. Questo mi ha fatto incazzare molto e così sono sceso dalla mia moto”.

López ha affermato che dopo la tappa 20 ha avuto un’altra discussione con Mas, sostenendo che il pilota spagnolo ha chiesto di nuovo a López il motivo per cui aveva inseguito dietro quando lui, Mas, era in salvo e davanti.

«Enric è una persona egoista, non voglio più condividere le gare con lui», ha detto López a RCN.

Tuttavia, al momento del suo abbandono, López ha descritto la sua uscita dalla Vuelta come un «errore», aggiungendo «le critiche [che sto ricevendo] sono per non andare avanti [nella gara] ma siamo esseri umani».

Anche sua moglie, Nathalia Acevedo, ha aggiunto su Instagram all’epoca: «è facile parlare quando non si sa quale fosse la situazione».

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *