I corridori dell’Androni Giocattoli investiti da un’auto durante il ritiro spagnolo

Tre corridori della squadra Abbigliamento Ciclismo Androni Giocattoli sono rimasti feriti e scioccati dopo essere stati investiti da un’auto il primo giorno del loro ritiro di dicembre a Benidorm, in Spagna, venerdì.

Il ProTeam italiano, che nel 2022 sarà conosciuto come Drone Hopper Androni Giocattoli, ha rivelato che i corridori colombiani Brandon Rojas, Juan Diego Alba e lo spagnolo Martì Vigo sono stati coinvolti nell’incidente.

La squadra ha detto che il diciannovenne Rojas ha subito un taglio nella zona della gola e un colpo al ginocchio destro dopo che «è letteralmente rimbalzato sul parabrezza dell’auto».

La squadra ha detto che l’incidente è stato causato da un’auto che è tornata sulla strada mentre i corridori arrivavano in leggera discesa. Il team ha descritto la collisione come «violenta e inevitabile».

Rojas è stato portato in ospedale e un pomeriggio di esami ha escluso eventuali fratture. Tuttavia ha avuto bisogno di tre punti nella ferita al collo, ma non è stato trattenuto in ospedale durante la notte. Riposerà qualche giorno prima di riprendere gli allenamenti con la squadra.

Alba e Vigo hanno avuto la fortuna di subire solo lievi contusioni.

Un certo numero di squadre ha nuovamente scelto di organizzare ritiri di allenamento di dicembre sulla costa orientale della Spagna centrale a causa dell’eccellente clima invernale e delle strade tranquille.

Deceuninck-QuickStep sono nella vicina Calpe e Rémi Cavagna ha riportato una frattura alla vertebra L1 nella parte bassa della schiena dopo un incidente. Il francese ha colpito il ponte insieme al compagno di squadra Mauri Vansevenant, con il giovane belga che ha riportato una frattura al pollice.

Cavagna è stato portato all’ospedale di Valencia, dove sarà operato lunedì, mentre Vansevenant è tornato in Belgio per sottoporsi a «un ulteriore trattamento conservativo», ha detto venerdì la squadra.

Gli esami effettuati su Cavagna non hanno mostrato segni di danno neurologico.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *